Archivio per Categoria News

DiWebmaster

Comunicato nr. 0

Il 12 ottobre 2016 è nato il “Consiglio Unitario dei Musicoterapisti Italiani per la Professione Sociosanitaria”,  un movimento per il riconoscimento.

Il nucleo dei soci fondatori è costituito da musicoterapisti attivi a tempo pieno presso strutture pubbliche e private, presenti nei settori sanitari, socio – assistenziali ed educativi , e da un rappresentante degli studenti.
La finalità è di raccogliere documentazione, raccordare tra loro i professionisti attivi sul territorio nazionale e promuovere contatti con le Istituzioni, con lo scopo ultimo di  ottenere il riconoscimento della figura professionale del Musicoterapista

Di fatto la figura del musicoterapista è già  presente e spesso ben radicata in varie realtà educative, riabilitative e terapeutiche, tanto nel settore pubblico quanto in quello privato.

Pertanto si ritiene necessaria una regolamentazione dell’esistente, in primo luogo a garanzia dell’utenza e della committenza, ma anche a garanzia della valorizzazione di tanto lavoro clinico e di ricerca svolto negli anni dagli operatori di musicoterapia che sono riusciti ad inserirsi nel tessuto istituzionale, considerando il lavoro di chi è riuscito ad operare sul campo inserendosi nei servizi esistenti ed impostando, insieme alla pratica clinica quotidiana, anche lavori di ricerca scientifica.

Ci rivolgiamo a tutti per chiedere un coinvolgimento finalizzato ad un percorso di riconoscimento del nuovo profilo professionale che potrebbe essere configurato nel ruolo socio sanitario, applicando una normativa già presente. Il musicoterapista, di fatto, già opera in ambito sanitario svolgendo un’attività professionale analoga a quella di altre figure già previste quali l’educatore professionale, il terapista occupazionale, il logopedista e simili.

Siamo consapevoli che il confronto costante con soggetti fortemente colpiti nel proprio funzionamento personale e sociale (fisico, psichico e psicofisico), richiede necessariamente l’acquisizione di strumenti tecnici utili alla gestione delle dinamiche del singolo, della famiglia e del gruppo.

Il nostro intento è quello di aprire una nuova fase della ricerca applicata in riabilitazione e prevenzione, aperta alla definizione della figura professionale sociosanitaria , nel rispetto dell’utenza e delle professionalità, e coronare un percorso trentennale che ha visto coinvolti numerosi centri socio-sanitari in ambito inter-infra-transdisciplinare

Siamo naturalmente disponibili a proporre ad una commissione tecnica unitaria i nostri contributi in merito alla definizione, all’interno del ruolo sociosanitario, del profilo professionale del musicoterapista; siamo inoltre disponibili a contribuire alla definizione delle norme transitorie che consentirebbero una sanatoria della situazione esistente che vede, lo ripetiamo, molti professionisti attivi da tempo in strutture sanitarie presenti sul territorio nazionale.

DiWebmaster

Comunicato Direttivo CUM

Il Direttivo CUM-SANITA’, alla luce della legge  del 3 gennaio 2018

– considerando la possibilita’ di inserimento nell’area sociosanitaria della professione

– preso atto dell’auspicio della categoria a candidarsi nel settore

– in continuita’ con la storia della categoria, lo stato della ricerca scientifica e la settorialita’   educativa, riabilitativa e terapeutica

– nel rispetto e necessita’ di collaborazione tra tutte le  musicoterapiste ed i musicoterapisti , nell’ottica di un costante progredire e in un coordinamento solidale e virtuoso

-in base alla propria declaratoria “per la professione sociosanitaria”

ha richiesto immediatamente dopo l’approvazione della legge alle autorita’ preposte  di conoscere le procedure di candidatura della categoria .

Nel contempo ha avviato contatti di conoscenza con scuole ed associazioni di settore nell’auspicio di una raccolta comune di documentazione  e nel rispetto delle autonome impostazioni e rappresentatività.

Il CUM-SANITA’ fa appello a tutte le associazioni ed i colleghi indistintamente, invitando tutti  a partecipare alla elaborazione della documentazione scientifica necessaria alla procedura, sollecitando tutte e tutti  a concentrarsi su cio’ che unisce.

Il CUM-SANITA’  conferma il sistema duale della professione, educativo e clinico, senza classificazioni di superiorita’ di un settore sull’altro,  nel rispetto della normativa sulle professioni sanitarie e sociosanitarie.

Il CUM SANITA’ comunica inoltre  la determinazione a procedere in quanto affermato anche di fronte a comportamenti confusi o contraddittori .

Il CUM-SANITA’  intende infine proteggere le formazioni acquisite dei colleghi/e e le scuole esistenti attraverso la proposta e la deliberazione di norme transitorie e possibili convenzioni con le Universita’.

Il CUM-SANITA’ comunica infine di aver istituito una commissione tecnica composta da personalita’ del mondo scientifico e da esperti legislativi.

CUM – SANITÀ
Roma 3 maggio 2018